Addio diete! Basta disattivare il gene dei carboidrati  


Proprio così... è stato scoperto dai ricercatori dell'Università della California il gene che si occupa della trasformazione dei carboidrati in grassi.
L'esperimento è stato effettuato su topi da laboratori nei quali è stato disattivato il "DNA-PK" - questo il nome del gene - e a seguito di tale disattivazione i topi, nonostante le quantità spropositate di carboidrati ingeriti, continuano a restare magri.
Inoltre, mettendo su meno massa grassa si ottengono benefici anche sui livelli di colesterolo che comportano quindi anche una riduzione della possibilità di un eventuale attacco cardiaco.
In conclusione superficialmente lo "spegnimento" di questo gene si potrebbe considerare come la fine di tutte le diete... Pane, patate, pasta e pizza a volontà senza bisogno di preoccuparsi della bilancia, ma l'altra faccia della medaglia consiste nel non sapere se il DNA-PK, oltre a quella di trasformare i carboidrati in grassi possa anche essere responsabile di altre importanti funzioni che verrebbero anch'esse inibite nel momento della disattivazione del gene,
pertanto non siamo a conoscenza di tutte le possibili implicazioni che potrebbero derivare da questa manipolazione genetica.




Condividi


Articoli correlati per categorie



0 commenti

Posta un commento

Posta un commento